Notizie
Consigli per ridurre l’assenteismo da malattia
03.03.2020

Abbiamo partecipato al webinar “Tips for Reducing Illness-Related Absenteeism”, sponsorizzato da Dynamic Air Quality Solutions: ecco un nostro resconto.

È la stagione dell’influenza. Nelle scuole la malattia è la causa principale dell’assenteismo di studenti e personale. Gli organismi patogeni (germi, virus, batteri) vengono facilmente trasmessi nelle aree in cui le persone si riuniscono, come nelle strutture educative, e possono provocare infezioni e malattie. Queste malattie possono quindi portare a giorni di assenza dalla scuola sia per gli studenti siaper il personale, influenzando il processo di istruzione.

Malattie come l’influenza, il raffreddore comune e il norovirus (vomito / diarrea, influenza dello stomaco) sono comuni – e ora il coronavirus sta facendo notizia – ma la loro presenza e diffusione possono essere ridotte da una buona igiene delle mani e da una pulizia e disinfezione ordinaria delle superfici comuni.

Lavare regolarmente le mani

Secondo la Public Health Agency del Canada, le mani diffondono circa l’80% delle malattie infettive comuni, come il raffreddore e l’influenza. Ad esempio, quando tocchi una maniglia della porta contaminata e poi tocchi la bocca, puoi ammalarti. I germi possono vivere per un tempo sorprendentemente lungo su superfici dure. La buona notizia è che i germi che causano malattie possono essere facilmente eliminati con un adeguato lavaggio delle mani.

Proviamo a considerare tutti gli elementi con cui entriamo in contatto quotidianamente: telefoni, scrivanie, tastiere dei computer, interruttori della luce, manopole, maniglioni, pulsanti dell’ascensore, rubinetti dell’acqua. A differenza dei servizi igienici e dei lavandini, che vengono puliti regolarmente, i punti di contatto sono solo alcuni dei “punti cald” che ospitano i virus, in quanto non vengono puliti e disinfettati con la stessa frequenza. Pertanto, il modo più semplice per ridurre le possibilità di ammalarsi è lavarsi spesso le mani con acqua e sapone ed evitare di toccarsi il viso.

Ambiente

È importante l’impiego di mobili con certificazioni (EcoLogoTM, Ecolabel, Green Seal (GS), Design for the Environment (DFE), Swan – Nordic Ecolabel) che dimostrano l’assenza di materiali che emettono COV. Per quanto riguarda i prodotti per la pulizia, l’impatto negativo che i prodotti tradizionali hanno sulla salute e sull’ambiente non può più essere ignorato.

Le seguenti statistiche parlano da sole:

  • la US Environmental Protection Agency (EPA) classifica la qualità dell’aria interna tra i primi cinque rischi ambientali e la collega, in parte, all’esposizione dei prodotti per la pulizia;
  • un bidello in media utilizza circa 100 litri di sostanze chimiche all’anno;
  • l’industria della pulizia utilizza circa 5 miliardi di sterline di prodotti chimici ogni anno e molti di questi prodotti per la pulizia hanno effetti negativi significativi sulla qualità dell’aria interna (IAQ), sulla salute umana e sull’ambiente.

Qualità dell’aria interna

Oltre a queste norme – che chiamiamo di “buon senso” – è anche importante considerare l’utilizzo di strategie e soluzioni per la depurazione dell’aria all’interno delle scuole.

Il Dipartimento americano della Pubblica Istruzione rilascia ogni due anni i dati del Civil Rights Data Collection (CRDC), nel tentativo di creare trasparenza attorno alle opportunità di formazione e le esperienze di milioni di studenti delle scuole pubbliche. Questi dati forniscono alle scuole statunitensi l’opportunità di identificare le aree di miglioramento e di potenziare ulteriormente l’istruzione e le strutture scolastiche per gli studenti e il personale.

I dati rivelano he 6,5 milioni di studenti (il 13 % cento) hanno perso oltre quindici giorni di scuola e quasi cinquecento distretti scolastici in tutto il paese hanno riferito che almeno il 30% dei loro studenti perdono almeno due o tre settimane di scuola ogni anno. Questo fenomeno è noto come “assenteismo cronico” e colpisce studenti senza distinzione di generi, razze ed etnie, a ogni livello e grado sociale.

I dati CRDC evidenziano un serio problema nelle pubbliche scuole della nazione, ma come possono i distretti scolastici contribuire ad alleviare l’assenteismo? Sicuramente un ambiente più sano, con una buona qualità dell’aria interna (IAQ), può contribuire a ridurre il numero di giorni di scuola persi da studenti e personale.

Gli studi EPA (Environmental Protection Agency) sull’esposizione umana alle sostanze inquinanti dell’aria indicano che i livelli di inquinanti interni possono essere due a cinque volte e, occasionalmente, oltre 100 volte più elevati rispetto ai livelli all’aperto. Questi livelli di inquinanti indoor sono particolarmente preoccupanti perché le persone trascorrono circa il 90% del loro tempo in ambienti chiusi. La qualità dell’ambiente scolastico può influenzare significativamente la salute degli studenti, con conseguenze negative sulla frequenza alle lezioni.

Attacchi di asma, reazioni allergiche e altre influenze sulla salute possono essere evitate attraverso una appropriata gestione della IAQ. Attraverso semplici azioni a basso costo, le scuole e distretti scolastici in grado di sviluppare programmi di gestione IAQ che non solo di risparmiare denaro e ridurre l’assenteismo studenti e del personale, ma anche in grado di migliorare la salute generale dell’ambiente interno.

In linea con le strategie ed i programmi di gestione dell’EPA statunitense in merito al miglioramento della qualità dell’aria interna, la nostra gamma di prodotti garantisce alta efficienza di miglioramento qualità dell’aria interna con un investimento contenuto. Insieme alla qualità ambientale siamo in grado di proporre soluzioni che, rispetto alla filtrazione convenzionale, consentono riduzione dei costi energetici e dei costi di manutenzione.